10 consigli per sfondare come jazzista

Il buon Wes ci svela i suoi dieci consigli per diventare un jazzman perfetto:

  1. Dovete odiare tutta la musica. Senza mezzi termini. «Rock ‘n’ Roll?», «Uno schifo». «Pop?», «Inascoltabile». «Heavy Metal?», «Che diavolo è?». «Classica?», «Non è più quella di una volta». «Jazz?», «Sì, ma solo quello che suono io».
  2. Fumo, tanto fumo. Sigarette a palate. Ogni volta che posate lo strumento ve ne accendete all’istante una senza filtro. Un alone cancerogeno deve accompagnarvi ovunque andiate e rendere la vostra presenza altamente tossica. Volete salutarmi? Dovete guadagnarvelo passando attraverso la nebbia.
  3. Nel vostro curriculum deve assolutamente esserci il nome di una clinica di riabilitazione per alcolisti. Prima ci finite meglio è. Sarà come il vostro diploma di maturità, il vostro passaporto per il successo.
  4. Come risultato dei punti 2 e 3 vivrete poco e tendenzialmente male (ma per il jazz questo e altro). Se a 50 anni siete ancora in salute consideratevi dei falliti.
  5. Dovete per caso decidere il titolo di un pezzo o il nome del vostro ultimo album? Prendete la prima cosa che vi viene in mente: “Copertone”? “Torta Salata”? “Gazebo”? Tutti nomi perfetti.
  6. Vestitevi sempre di nero. Maglione nero, pantaloni neri e scarpe nere. Nient’altro. Ci sono quaranta gradi all’ombra? Non osate indossare una maglietta. È l’inverno più freddo degli ultimi 20 anni? Non pensate neanche per un istante di mettervi la giacca.
  7. Siete dei chiacchieroni? Amate stare in compagnia? Si? E invece no. Il mondo del jazz è fatto di solitudine e poche, pochissime parole. Le uniche che vi potete permettere di pronunciare sono gli annunci dei vostri prossimi pezzi: «Dal mio ultimo album, ecco “Torta salata”». «Ora suonerò “Copertone” e, a seguire, un mio classico: “Gazebo”».
  8. Avete fatto il pienone? Il vostro trio ha una serata da tutto esaurito? Avete finalmente un pubblico come si deve? Male. Malissimo. Siete diventati troppo popolari e la vostra carriera è ormai in declino. Un vero musicista jazz suona per se stesso, per il barman, e al massimo per un paio di clienti che hanno sbagliato locale.
  9. Il livello di popolarità dello strumento che suonate è inversamente proporzionale al vostro successo come musicisti jazz. Dimenticatevi la chitarra elettrica e compratevi un bello xilofono.
  10. Per quanto riguarda la musica fate un po’ voi. L’importante è che ci sia almeno un assolo di 7 minuti e che voi siate sempre cool. Non sapete cosa significa? Non importa, fatelo e basta.

Wes

Annunci

3 risposte a “10 consigli per sfondare come jazzista

  1. Pingback: 10 Consigli Per… diventare il DJ del futuro | La Lira di Orfeo·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...