Appunti di Live: Niccolò Fabi

8 febbraio 2013. Teatro Colosseo, Torino.

Niccolò Fabi liveL’obiettivo della serata è chiaro fin dall’inizio e ce lo svela lo stesso Fabi; il cantautore vuole rapirci e portarci con lui in un viaggio. Vuole farci vivere avventure, emozionarci e farci dimenticare per un attimo della nostra vita frenetica e ordinaria. Se c’è qualcuno che può riuscirci, quel qualcuno è Niccolò Fabi. Poche volte ho avuto l’impressione di creare un legame empatico così forte con l’artista sul palco, come in quest’occasione.
E dire che non avevamo neanche iniziato male, con il mini concerto di Roberto Angelini, fidato collaboratore di Niccolò, accompagnato da Daniele “Mr. Coffee” Rossi. La sua pacata poesia pragmatica, unita alle mille diavolerie elettroniche e ad una competenza invidiabile su mille strumenti (anche un theremin nella sua ‘collezione’) ha stregato il pubblico in sala… difficile credere di essere davanti al tizio che una volta cantava “Gattomatto”.

Solo una breve pausa, perché non c’è neanche bisogno di cambiare l’attrezzatura (Angelini e Rossi suonano nella band di Fabi), e tutti gli altri componenti salgono sul palco. Pier Cortese, Fabio Rondanini, Gabriele Lazzarotti e, naturalmente, Niccolò Fabi si presentano al pubblico, avvolti in un suggestivo fumo blu, sulle note della strumentale “Indie”. L’atmosfera è creata sapientemente dal fumo di cui sopra, dalle luci e dalla semplice musica.
Il concerto scorre via piacevolmente, con un alternarsi di brani recenti (tratti dall’ultimo album Ecco) e canzoni più ‘vecchie’ in un sapiente equilibrio: “Io”, “Elementare”, “È Non È”, “Solo Un Uomo”, “Dentro”. Tra una canzone e l’altra, Fabi dialoga con il pubblico. C’è intimità, c’è dolcezza, c’è leggerezza. Come quando ci racconta la genesi di “Sedici Modi di Dire Verde”; è in questo clima che la magia prende vita e davvero veniamo trasportati lontano, in viaggio con il nostro vecchio amico Niccolò. Il cantautore romano è deciso a mettersi a nudo e a farci conoscere le sue mille sfaccettature; ci riesce in maniera egregia attraverso le sue canzoni: ad esempio con la scanzonata “Vento D’estate” (qui è Pier Cortese a far le veci di Max Gazzé) o l’amarcord generazionale di “I Cerchi di Gesso”, che diviene divertissement raffinato, trasformandosi prima in “Aquarius” (pezzo tratto dal musical Hair) e poi nella sua hit di primo pelo, “Capelli”… non vi devo spiegare il perché di questo accostamento, vero?
Continuiamo il viaggio con alcune ‘vecchie glorie’; ascoltiamo “Oriente” (non così vecchia, dopotutto), la tenera “Offeso” e la malinconica “Lasciarsi un Giorno a Roma” (sì, a me ha sempre messo un sacco di malinconia), che Niccolò presenta con un “se volete alzarvi e scatenarvi, questo è il brano giusto per farlo”. Il pubblico lo prende in parola e una buona fetta si riversa sotto il palco, saltando e cantando, tutti con un sorriso stampato in faccia come fossero a una festa… nessuno ritornerà più al proprio posto.

Ma se fosse possibile, durante il bis l’asticella emozionale si alza ancora di più. Il primo a rientrare è Niccolò, per una riedizione acustica di “Fuori o Dentro” e “Lontano”, in cui ha il piglio di un novello Damien Rice per la passione viscerale che esprime (ma è quasi riduttivo; Niccolò assomiglia solo a Niccolò), poi con la band di nuovo riunita, ecco “Il Negozio di Antiquariato” (l’aspettavo trepidante) e “Una Buona Idea”. Il meglio, però, arriva per ultimo: finalmente è il momento di “Ecco”, il brano più suggestivo dell’ultimo album del cantautore romano. Ed è un’interpretazione da applausi, che smuove il cuore, tocca le corde giuste e ti fa perfino scendere una lacrima.
Non si possono aggiungere altre parole. Per Niccolò parla la sua musica.

Pink

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...