CineMusic: “U.S.A. contro John Lennon”

USA vs John LennonEcco un’iniziativa che gli amanti della nostra rubrica apprezzeranno sicuramente: il 17 giugno uscirà nei cinema italiani il docu-film U.S.A. contro John Lennon. Il documentario non è di certo inedito, fu distribuito in Italia già nel 2007 e trasmesso su RaiUno nel giugno del 2012 (alle 2:10 di notte, non sia mai che le cose interessanti siano trasmesse in prima serata), ma la Lucky Red vuole ora rilanciare l’interessante progretto, creando una giornata apposita di proiezioni. Il documentario in questione non dimentica neanche per un istante l’animo artistico di Lennon, ma si concentra maggiormente sulla sua trasformazione sociale; ciò che viene descritto con grande attenzione è l’attivismo politico del decennio 1966-1976. La prima parte di girato descrive le origini del cantante, lasciando quindi spazio pure alla meravigliosa carriera con i Beatles. Anche questa però viene riletta in chiave sociale, mostrando come Lennon fosse in assoluto il più “politicizzato” dei Fab Four e come la sua musica e le sue battute anticonvenzionali (celebre la sua affermazione “We’re more popular than Jesus now; I don’t know which will go first – rock ‘n’ roll or Christianity“) muovessero le menti e creassero violente reazioni nell’opinione pubblica più conservatrice.

La seconda parte della pellicola, invece, entra nel vivo della storia politica, coadiuvata da immagini di repertorio e da una stretta collaborazione dei registi con Yoko Ono. La figura della moglie di Lennon è decisamente importante, poiché le lotte intraprese dal musicista non furono mai solitarie ma, anzi, sostenute e combattute anche dalla Ono. Ciò che indiscutibilmente viene alla luce è la voglia viscerale che John aveva di fare qualcosa per il mondo, di cambiarlo. La pace è il punto focale su cui il musicista, ormai attivista, si concentra; note sono le sue forti proteste contro la guerra del Vietnam, i suoi bed-in, in cui rispondeva alle interviste coperto soltanto da un lenzuolo, e le sue campagne anti-Nixon. La sua popolarità, consacrata nel tempo, stava diventando seriamente pericolosa, poiché in grado di trascinare le masse e risvegliare le coscienze americane. Proprio durante l’organizzazione di un tour di concerti negli U.S., che doveva poi concludersi in una grande manifestazione pacifista durante il congresso del Partito Repubblicano, l’FBI di Edgar Hoover diede inizio alle pratiche per espellere l’artista dal suolo americano. Tutto questo, però, non spaventò mai Lennon, mosso da un’ideale e da un obiettivo solido, che lottò contro la sua espulsione fino all’infame assassinio nel 1980 ad opera di Mark David Chapman. Il documentario, girato dai registi David Leaf e John Scheinfeld, è accurato, ottimamente diretto e ricco di riferimenti, interviste e riprese inedite. In più, il personaggio in questione è sicuramente uno dei più complessi della storia della musica e questo film aiuta notevolmente lo spettatore ad indagare e capire l’altra faccia di John Lennon.

E allora non possiamo che invitarvi alla visione gridando: “All we are saying is give peace a chance”.

Chelsea Girl

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...