Road to the Academy Awards 2014

oscarDopo anni di silenzio internazionale, il cinema italiano è tornato alla ribalta grazie alla pellicola La grande bellezza diretta da Paolo Sorrentino, vincitrice del Golden Globe e candidata al Premio Oscar come Miglior film straniero. Questo grande vociferare di nomi, candidature e scommesse, a volte mette in ombra una parte fondamentale della riuscita del film, ovvero la musica e la colonna sonora, elementi imprescindibili per il coinvolgimento e la resa finale di una qualsiasi storia. Ad ovviare a questo problema ci siamo noi de La Lira di Orfeo, pronti a darvi informazioni precise sulle nomination all’Oscar per la Miglior colonna sonora e per la Miglior canzone originale.

Ecco i candidati per la Miglior colonna sonora:

The Book Thief, John Williams
Gravity, Steven Price
Her, Arcade Fire
Philomena, Alexandre Desplat
Saving Mr. Banks, Thomas Newman

Il primo di cui ci occupiamo è John Williams, compositore della pellicola con Emma Watson e Geoffrey Rush, The Book Thief. Il signor Williams, di cui abbiamo già parlato nell’edizione dello scorso anno, ha una consolidata e lunghissima carriera alle spalle lo hanno portato a vincere il Premio Oscar per ben 5 volte. Solamente negli ultimi tre anni si è occupato delle colonne sonore de Le avventure di Tintin, War Horse e Lincoln quindi, indubbiamente, è uno dei favoriti al premio, se non altro per l’immensa capacità riconosciutagli da tutta l’Academy.
Alfonso Cuaron, il regista di Gravity, si è affidato invece al compositore inglese Steven Price. Il musicista, conosciuto già per le musiche de La fine del mondo di Edgar Wright, ha messo in piedi un’ottima compilation, già vincitrice del Premio come migliore colonna sonora al Critics’ Choice Movie Award.
In chiave decisamente più moderna e innovativa si muove Her di Spike Jonze. Il regista, al posto che che selezionare un compositore di colonne sonore, è andato a bussare alla porta degli Arcade Fire, uno dei migliori gruppi indie del momento, reduci dal successo del loro ultimo album Reflektor.
Philomena di Stephen Frears suona invece le note del celebre compositore francese Alexandre Desplat. Il musicista vanta un curriculum ricco di grandi uscite tra cui, per citarne solamente alcune, Il curioso caso di Benjamin Button, Fantastic Mr. Fox, L’uomo nell’ombra, Le idi di Marzo, Carnage e Argo. Con Stephen Frears aveva già collaborato per i film The Queen, Chèri e Tamara Drewe.
Il regista John Lee Hancock sceglie un altro veterano della composizione cinematografica per il suo Saving Mr. Banks: si tratta di Thomas Newman. Sicuramente ottimo musicista, Newman ha ricevuto in carriera ben dieci nomination agli Oscar, senza però aggiudicarsi mai il premio. Che sia la volta buona?

Passiamo ora ad analizzare i contendenti per il premio alla Miglior canzone originale:

“Alone Yet Not Alone”, Bruce Broughton e Dennis Spiegel, Alone Yet Not Alone
– “Happy”, Pharrell Williams, Cattivissimo me 2
– “Let It Go”,
Kristen Anderson-Lopez, Frozen
– “The Moon Song”, Spike Jonze e Karen O, Her
– “Ordinary Love”, U2, Mandela: Long Walk to Freedom

La prima canzone in concorso è “Alone Yet Not Alone” composta, per l’omonimo film, da Bruce Broughton e Dennis Spiegel. La splendida voce femminile è quella dell’autrice evangelica Joni Eareckson Tada, le cui tonalità accompagnano alla perfezione la drammaticità del film.
“Happy”, dal film di animazione Cattivissimo Me 2, porta la firma di Pharrell Williams, celebre musicista americano nonché produttore di successo; la rivista Billboard lo ritiene addirittura il più grande produttore musicale del periodo 2000-2010. La sua canzone, dai toni nettamente più divertenti, sembra essere la favorita alla vittoria finale.
Per non essere da meno, anche Frozen della Disney concorre per il titolo di Miglior canzone originale con il brano “Let It Go”, scritto da Kristen Anderson-Lopez. L’interpretazione è affidata a Idina Menzel, cantante e attrice newyorkese, celebre per le sue molteplici partecipazioni ai musical di Broadway.
La canzone “The Moon Song”, del film Her, vanta invece la collaborazione dello stesso regista Spike Jonze, affiancato da Karen O. La vocalità della cantante, frontwoman del gruppo Yeah Yeah Yeahs, segue le note della pellicola, dipingendo un immaginario intimo e profondo.
L’ultima concorrente, anch’essa tra le favoritissime, è “Ordinary Love” e porta la firma del celebre gruppo irlandese U2. La canzone si già aggiudicata il Golden Globe e, grazie alla fama e l’esperienza della band, è pronta a perseverare nel successo.

Chelsea Girl

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...