Molto Rumore Per Nulla, Capitolo II: “Le serate anni ottanta”

«Questa moda delle serate anni ’80»
Ascolto consigliato: “Dance Hall Days” dei Wang Chung.

Qualche giorno fa sono stato trascinato a una di queste feste revival anni ’80. Sapete no? È all’incirca lo stesso format di quei party anni ’90 che, da qualche tempo, fanno placidamente parte del nostro “parco serate”. Ora, premetto che non voglio passare per snob o peggio, anzi, ho partecipato perfino a qualche ’90s Party e non è andata poi così male. Tralasciamo per un attimo il fatto che, come al solito, il mio iPod posizionato su shuffle farebbe una figura migliore nello scegliere la musica, ormai sono arrivato a una età in cui un po’ di amarcord condiviso non mi dà per niente fastidio: parlare con una ragazza e prendersi bene perché entrambi guardavamo “Denver” o giocavamo al Game Boy può sembrare vagamente da sfigati, ma ogni tanto risulta anche piacevole (l’importante è restare al di sotto del dosaggio medico consentito).

Per quanto riguarda le feste anni ’80, però, è tutto un altro paio di maniche.

Qui non c’è nessun effetto amarcord, a meno che, ovviamente, tu non sia nato prima del 1983… e se sei nato prima di quella data e vai ancora alle serate revival allora è meglio che tu ti faccia qualche domanda. Non dobbiamo dimenticarci, inoltre, che gli organizzatori sono solitamente ragazzi nei loro “-enti” che non sanno assolutamente quali canzoni si ballavano, durante quei gloriosi anni ruggenti fatti di brillantina, strass e spalline troppo larghe. Così vengono fuori serate in cui la musica non è umanamente ballabile: i dj hanno infatti deciso di snobbare il synthpop degli Industry o il pop-rock di gente come Hall & Oates. Questo solo per poter fare i musicologi troppo cool (??) e mettere brani dei Pixies, dei Joy Division o degli Smiths (guardate, andrebbe meglio pure con le trashate tipo Rettore o Nada)… fidatevi, in nessun club anni ’80 (soprattutto qui in Italia) vi avrebbero mai proposto gruppi del genere. Ma poi come fai a ballare i Joy Division? Ma poi chiedete ai vostri genitori se sanno chi sono i Joy Division. Insomma, negli anni ’80 se volevate ballare, la musica era altra. Aggiungete a tutto questo il fatto che i locali, durante serate come questa, brulicano di gente più vicino ai 40 che ai 30: per l’occasione hanno tutti tirato fuori il vestito buono della domenica (a cui hanno abbinato qualche gadget kitsch) e ora si riversano in pista, felici di essere lontano da casa per una sera. Improvvisamente la libera uscita incomincia a dargli alla testa: mentre sembrano aver dimenticato qualsiasi regola basilare del vivere sociale, incominciano a tirar giù shottini come se non ci fosse un domani. Spettacoli degni del miglior Discovery Channel.

Sì, lo so cosa state pensando: “Ma di cosa ti lamenti? Stupido tu che ti ci sei fatto trascinare”. Devo ammettere però che non è stato un disastro completo. Ad un certo punto, al centro della pista si è fatto avanti un tizio vestito come Gordon Gekko, solo che al posto di una normale cravatta, indossava questa cosa (dio abbia in gloria il vecchio Mugatu). Mentre iniziava a dimenarsi febbrilmente ho fatto in tempo a sentirlo urlare, in direzione di un discreto esemplare di fauna femminile: “chi è il tuo papino?”.

Attimi di pura follia.

Ziggy

ZiggyZiggy è un geek musicale di 25 anni che collabora con La Lira per cercare di (ri)dare una dimensione più “da blog” a questo nostro serioso sito musicale. La sua rubrica “Molto Rumore Per Nulla” narra avventure superficiali e dispensabili di vita vissuta veramente, squisitamente a sfondo musicale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...