A proposito di Leonard: i rancorosi da social network

Leonard CohenAlla fine è successo. In questo 2016 che pare non dar tregua agli amanti della musica (anche se tutto ciò è fisiologico… insomma, abbiamo – e hanno – la nostra bella età, ormai), sulla roulette del destino è uscito il numero del Venerabile Maestro Leonard Cohen. Neanche il tempo di elaborare il lutto e subito sui social network abbiamo potuto assitere a un turbinio di status, omaggi, ricordi e – i peggiori di tutti – rancori gratuiti.

Il lamento arriva assieme alla classica formula intercambiabile, che funziona bene con qualsiasi musicista: «Eh, adesso tutti fan di Leonard Cohen, ma ieri manco sapevano chi cantasse “Hallelujah”». Dirò la verità; a me sembra che chi indulge in dichiarazioni di questo genere sia semplicemente geloso.
Geloso di condividere con altri un artista così universale e mastodontico, ma allo stesso tempo così personale come Cohen; uno di quelli che ci piace pensare di conoscere solo noi, di capire solo noi e che, per definizione, non può assolutamente avere così tanti fan, men che meno quel mio amico là, quello che di musica non ne capisce nulla.

A me, invece, constatare che così tanta gente conosceva Cohen, che si professa suo fan e che, per questo, desidera rendergli omaggio, scalda il cuore. E se per caso tra di loro c’è qualche voltagabbana che dice di ascoltarlo da sempre ma che, al contrario, l’ha incrociato solo oggi, poco importa; ora lo conosce.
Purtroppo per lui, è successo un filo troppo tardi.

Orfeo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...